Comune di Castel Sant'Elia
provincia di Viterbo
12
IL SANTUARIO

del 03/03/2011

IL SANTUARIO
Si trova a Castel Sant’Elia, un paese nella provincia di Viterbo, diocesi di Civita Castellana,
distante soli 40 Km da Roma. E posto a picco sulla Valle Suppentonia, al centro di un altipiano tra Nepi e Civita Castellana.

Il Santuario “perla dell’Alto Lazio”, è situato in una grotta tufacea, nella meravigliosa Valle. La sua storia risale ai primi secoli del cristianesimo quando con l’arrivo nel VI secolo dei Figli di S. Benedetto, nasce nella Valle il culto della Madonna.
Con molta probabilità la Valle Suppentonia (la Nepet etrusca – la Pentopoli romana) accolse i primi anacoreti che introdussero nell’Occidente la vita monastica. Molti di loro abbracciarono poi la regola di S. Benedetto vivendo in alcune grotte scavate lungo la rupe (ancora esistenti).

S. Gregorio Magno scrisse: “L’abate S. Anastasio, notaio di S. Romana Chiesa, aveva preso l’abito di monaco. Ritiratosi in detto luogo, vi menò per molti anni una vita santa e fu diligente custode e superiore del Cenobio” (Dialoghi I, 7).
“Questi santi uomini frequentavano con assiduità la Grotta (l’attuale Santuario) nella quale
dominava una dolcissima Immagine della Vergine” (S. Pio X, Motu Proprio, 15.8.1912).
Venuti, nel 520, i monaci Benedettini costruirono sulle rovine del tempio dedicato a Diana il
Cenobio e a loro subentrarono i Canonici di S. Spirito in Sassia di Roma per un breve tempo.

Nei cinque secoli di abbandono che seguirono, la venerazione alla Madonna rimase viva tra le popolazioni locali.
Con l’arrivo, nel 1777, di Fra Giuseppe Andrea Rodio (1745-1818), incominciò per il santuario una epoca nuova. Morto il Rodio, la sua opera fu continuata da una serie di eremiti.

Dal 1892 il Santuario venne affidato ai Frati Minori della Provincia di S. Croce in Sassonia. Con il loro instancabile lavoro guidato da Mons. Bernardo Doebbing (1855-1916) il Santuario si sviluppò assumendo l’aspetto odierno.
Il 15 agosto 1912 tutto il complesso del Santuario passò in possesso della santa Sede e il
Santuario fu elevato a titolo di Pontificio e di Basilica Minore.

Nel gennaio 1982 subentrò all’Ordine dei Francescani di Sassonia una nuova Comunità religiosa: la Conregazione di S. Michele Arcangelo (padri Micaeliti), originaria della Polonia, fondata dal Servo di Dio P. Bronislao Markiewicz (1842-1912), la quale è l’attuale custode del Santuario.
 
 
ultimi comunicati
Indirizzi pec del Comune di Ca...

del 11/04/2017 17:28

BASILICA DI SANT ELIA - ORARIO...

del 11/04/2017 17:22

Ordinanza N. 04/2017 - Bonific...

del 27/02/2017 11:58

AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE 2016 C...

del 14/01/2016 12:32

AVVISO PER SPLIT PAYMENT E FAT...

del 20/04/2015 12:39

AVVISO NON POTABILITA' ACQUA

del 14/01/2015 11:20

AVVISO NON POTABILITA' ACQUA

del 10/01/2015 12:35

AVVISO NON POTABILITA' ACQUE

del 05/01/2015 11:25

AVVISO

del 31/12/2014 12:30

AVVISO PUBBLICO DI VENDITA ALL...

del 20/05/2014 09:57

© 2010-2017 Comune di Castel Sant'Elia powered by WeCOM S.r.l.
Comune di Castel Sant'Elia Via Umberto I, 41 Castel Sant'Elia, (Lazio) 0761556425 .